La struttura.

Il Dosso Verde di Pavia opera sul territorio dal 1962. La nuova Struttura, inaugurata nel 2011, adiacente alla villa storica ove è sorta e si è sviluppata l’attività terapeutica-riabilitativa, si trova all’interno di un parco, nella zona Vallone-Crosione, in via Fasolo 1. Il centro della città è raggiungibile a piedi o con l’autobus urbano n.4. La Struttura è costituita da un unico blocco disposto su quattro piani dove hanno sede:

Piano 1

Camere di degenza del Servizio Residenziale · Refettorio · Stanza degli operatori notturni

  • Kitchen
  • Refettorio
  • Livingroom
  • Camere di degenza Servizio Residenziale

    Tutte dotate di bagno interno: 1 camera con tre posti letto, 3 camere con due posti letto, 6 camere con letto singolo.

  • Refettorio

  • Stanza Operatori Notturni


Piano Terra

Accettazione/Segreteria · Infermieria · Studio Medico

  • Accettazione/Segreteria
  • Infermieria
  • Livingroom
  • Studi medici
  • Accettazione/Segreteria

    La segreteria è aperta al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 08.30 alle 17.00; per gli utenti in carico dalle 8.30 alle 19.00

  • Infermieria

  • Studi Medici

  • Studi Medici

Ambulatori di Logopedia

Ambulatori di Logopedia/Terapia della comunicazione: la terapia della comunicazione e la logopedia in senso stretto sono strumenti terapeutici rivolti sia ai pazienti seguiti in regime di ricovero (residenziale e semiresidenziale) sia in regime ambulatoriale. Nei Disturbi dello Spettro Autistico, in particolare, l’intervento sulle abilità comunicative viene modellato sulla specificità del disturbo e sul profilo del singolo soggetto, integrando tecniche diverse, anche di tipo aumentativo/alternativo. Viene data inoltre grande importanza all’esportazione nella vita quotidiana di alcuni principi e metodi desunti dall’intervento logopedico, opportunamente adattati allo scopo di generalizzare le competenze in acquisizione. Si attuano interventi in età precoce volti allo sviluppo dei precursori linguistici, in forma strettamente integrata con paralleli interventi psicomotori coinvolgendo anche i genitori.

Ambulatori di Psicomotricità

Ambulatori di Psicomotricità: fra gli interventi riabilitativi riservati ai bambini con disturbi del neurosviluppo, così come per molti altri disturbi neuropsichiatrici dell’età evolutiva, la terapia psicomotoria relazionale rappresenta una proposta terapeutica che favorisce nel bambino la percezione e la conoscenza di sé come persona, dell’altro, delle emozioni che sottendono i vari comportamenti, delle leggi emozionali e sociali che regolano i rapporti interpersonali. L’intervento psicomotorio favorisce la comparsa di segnalatori sociali (contatto oculare, sguardo referenziale, sorriso, attenzione congiunta), aumenta i tempi di attenzione, facilita un uso più appropriato degli oggetti, stimola la comunicazione, arricchisce il vocabolario, riduce l’iperattività, le stereotipie motorie e i comportamenti problema.

Dobbiamo al Prof. Giovanni Lanzi e a sua sorella Pina Lanzi l’idea originale di aver inserito nella pratica riabilitativa tale tecnica che, basandosi sulla concezione della persona “globale”, si ispira ad un modello di intervento in cui il bambino è vissuto come unità di mente e corpo e la crescita armonica avviene attraverso l’integrazione tra motricità, sensorialità, sfera cognitiva, neuropsicologica, psicoaffettiva e relazionale.

Ambulatori di Psicoterapia


Piano -1

Servizio Day Hospital e Servizio Diurno Continuo

  • Kitchen
  • Bathroom

Stanza di Musicoterapia

Stanza di Musicoterapia: la musicoterapia viene attuata, laddove indicata, sia con pazienti seguiti in regime residenziale/semiresidenziale, sia ambulatorialmente come intervento ad integrazione delle terapie riabilitative primarie e nella cornice di un lavoro di equipe. La capacità di dare un senso agli eventi musicali nasce in una fase precoce dello sviluppo del bambino, in un momento nel quale egli non è ancora in grado di comprendere il significato dalle parole della madre ma riesce a coglierne il significato affettivo. La musica è un mezzo per creare momenti di sincronizzazione e di sintonizzazione affettiva reciproca rilevabili attraverso l’espressione di comportamenti e affetti. Nei bambini con Disturbi dello Spettro Autistico l’esperienza musicale condivisa può essere un’importante risorsa per diminuire i comportamenti ripetitivi e stereotipati trasformandoli progressivamente in movimenti intenzionali con aumento dei tempi di attenzione, di condivisione, di interazione congiunta e di capacità di stare nei turni di risposta, realizzando contemporaneamente una maggiore regolazione degli stati affettivi ed emotivi.

Stanza di Arteterapia

L’arteterapia è una metodologia che utilizza i materiali, le tecniche e i criteri di decodifica dell’arte grafica, plastica, pittorica, dei new media, della danza del movimento e del teatro con finalità preventive, riabilitative e terapeutiche. Nasce dall’incontro tra due poli distinti: quello delle arti e della terapia, dove l’attenzione non è rivolta all’interpretazione psicologica delle opere o all’addestramento artistico, ma alla decodifica del linguaggio come specchio delle vicende interne e relazionali del paziente. Per i pazienti seguiti in forma residenziale e semiresidenziale possono essere previsti percorsi di arteterapia individuale o in piccolo gruppo costantemente inseriti ed integrati nel progetto riabilitativo individuale. Vengono attuati percorsi terapeutici con pazienti che presentano un’ampia gamma di disturbi neuropsichiatrici dell’età evolutiva.

Refettori


Piano -2

Piscina Riabilitativa

La struttura dispone di una piscina riabilitativa ove i pazienti seguiti in forma residenziale e semiresidenziale, affiancati dagli educatori del proprio gruppo, precedentemente formatisi in ambito specifico, attuano terapie riabilitative. L’esperienza acquatica favorisce lo sviluppo psicomotorio e sensoriale, migliora le capacità polmonari e cardiovascolari. In ambito psicosociale fortifica la relazione adulto-bambino attraverso un approccio ludico. L’ambiente acqua permette di apprendere nuove modalità di scambio, favorisce il contatto di sguardo e l’attenzione congiunta, creando una situazione privilegiata per stare insieme e condividere un’esperienza di benessere per entrambi. I progetti riabilitativi in ambiente acquatico prevedono:
  • L’ambientamento e l’adattamento
  • Esercizi finalizzati allo sviluppo della motricità e della sensorialità, del contatto di sguardo, dell’attenzione
  • Pratiche di rilassamento corporeo
  • Lo sviluppo dell’acquaticità per il raggiungimento dell’autonomia in acqua
  • Esercizi propedeutici alla tecnica natatoria

Esterno

Il parco

Il parco è attrezzato con giochi per le attività motorie, ginniche e di svago dei bambini.

Pista ciclabile

La presenza di una pista ciclabile all’interno del parco permette ai pazienti la pratica della bicicletta sotto la guida costante degli educatori. La bicicletta è uno strumento utile alla riduzione dello stress, al miglioramento della salute psicofisica, alla crescita della volontà e del benessere relazionale all’aria aperta. I bambini e i ragazzi che riescono a raggiungere un buon livello di autonomia, seguiti dagli educatori, hanno l’opportunità di praticare tale attività sportiva nei parchi cittadini limitrofi alla Struttura e nel quartiere, elevando il proprio livello di autonomia personale e sociale.

La serra

Nel parco della Struttura è presente una serra ove vengono svolte attività di giardinaggio e vivaistiche secondo un tenore conforme alle competenze funzionali del singolo ragazzo. Attraverso tale occupazione è possibile lavorare sulle prassie, sulla manualità, sulla pianificazione, sull’attenzione, sulla tolleranza dei tempi di attesa in una dimensione motivante concreta. Alcuni ragazzi acquisiscono le basi del reinvaso, della potatura, della semina e dell’irrigazione.

La Scuola Dosso Verde

La Scuola Dosso Verde, che occupa un edificio dell’Istituto delle Suore di Maria Consolatrice adiacente e collegato alla nuova struttura riabilitativa, appartiene all’Istituto Comprensivo Statale Angelini di Pavia come “plesso speciale” dedicato ai minori inseriti in forma residenziale e semiresidenziale, secondo specifica convenzione tra l’Ufficio Scolastico Regionale e l’Ente Gestore.

Il personale docente statale opera in coesione con l’azione educativa dell’Istituto Comprensivo Angelini di Pavia e con l’intervento riabilitativo svolto dall’equipe dell’Istituto Dosso Verde. La condivisione del progetto didattico-educativo su ciascun bambino è sostenuta e favorita dalla collaborazione fattiva tra operatori scolastici ed istituzionali che quotidianamente hanno la possibilità di confrontarsi aldilà delle riunioni integrate periodiche. Alcuni bambini, in rapporto al loro percorso personale, dopo un periodo di frequenza della scuola Dosso Verde, vengono inseriti in sezioni curricolari ordinarie.

Dove siamo


Istituto Dosso Verde sede di Pavia
c/o Suore di Maria Consolatrice
Via Fasolo Lorenzo, 1/B - 27100 Pavia (PV)